Basilica di Santa Croce, un appuntamento con la storia

La Basilica di Santa Croce sorge nell’omonima piazza di Firenze, un simbolo dell’intera città ed un punto di riferimento in epoca medievale-rinascimentale per artisti, politici, letterati, teologi, religiosi ed umanisti. Molto probabilmente venne realizzata da Arnolfo di Cambio a partire dalla fine del XIII secolo, per poi essere continuamente arricchita, divenendo una delle più grandi chiese francescane ed uno dei migliori esempi di gotico in Italia. La Basilica di Santa Croce è una delle mete da raggiungere durante una vacanza in Toscana, per apprezzare ogni suo risvolto, a partire dalla parte esterna, con le tre lunette dei portali che raffigurano la leggenda della Vera Croce, con il “Ritrovamento della Croce”, il “Trionfo della Croce” e la “Visione di Costantino”, e le tre porte bronzee che fino al 1903 caratterizzavano il Duomo.

La Basilica di Santa Croce ha un particolare profilo esterno, con i timpani triangolari delle false campane della navata. Più recente è il Campanile, realizzato verso la metà del 1800, grazioso ed esile, anche se decisamente più moderno rispetto al resto della costruzione. Sempre nella parte esteriore, alla sinistra del sagrato, troviamo il grande monumento a Dante Alighieri di Enrico Pazzi. L’interno della Basilica di Santa Croce presenta tre navate divise da due fila di pilastri a base ottagonale. L’intero spazio appare semplice ma monumentale, con una forma a croce egizia ed un grande transetto. Le quattro cappelle sono particolarmente ricche di straordinarie opere di Agnolo Gaddi, Niccolò Gerini, Giovanni del Biondo, Jacopo del Casentino, ma su tutte spiccano gli affreschi di Giotto, che proprio in questo caso raggiungono vette di bellezza altissime. I suoi affreschi in questa basilica raggiungono le più alte vette di bellezza e sono considerati alcuni dei capolavori più significativi del Rinascimento italiano.

Gli intricati dettagli e i colori vivaci degli affreschi di Giotto nella Basilica di Santa Croce raffigurano varie scene della vita di San Francesco, il patrono della basilica e testimoniano l’abilità e il talento di Giotto, considerato uno dei più grandi artisti del suo tempo.

Oltre agli affreschi mozzafiato, la Basilica di Santa Croce vanta anche uno splendido altare realizzato in marmo e pietre preziose ed è ornato da intricati intagli e sculture che raccontano la vita di Cristo.

Tombe Basilica di Santa Croce Firenze

La Basilica di Santa Croce è anche un vero e proprio pantheon che ospita le tombe di personaggi storici celebri, come Ugo Foscolo, Michelangelo, Galileo, Gioacchino Rossini, Leon Battista Alberti, Vittorio Alfieri, Leonardo Bruni e Giulia e Carlotta Bonaparte.

Una delle attrazioni più notevoli della Basilica di Santa Croce è la Cappella Niccolini, dedicata a San Giovanni Battista. Questa cappella è famosa per i suoi splendidi affreschi e le sue intricate opere d’arte ed è un luogo molto amato dai turisti e dagli abitanti del posto. Tuttavia, è nota anche per un motivo più cupo: la “Sindrome di Stendhal“.
Chiamata così in onore dello scrittore francese Stendhal, che visitò la cappella all’inizio del XIX secolo, la sindrome è una condizione psicologica che porta gli individui a lasciarsi sopraffare dalla bellezza dell’arte o dell’architettura. I sintomi possono includere vertigini, svenimenti e persino allucinazioni. Sebbene alcuni possano essere spaventati dall’idea di una simile condizione, la Cappella Niccolini è nota per aver scatenato queste reazioni in alcuni visitatori.

Il complesso, distante appena seicento metri dall’hotel 4 stelle a Firenze Brunelleschi, è oggi anche un prezioso punto di riferimento per i tanti appassionati di arte, che al suo interno potranno ammirare numerose mostre, rinnovate continuamente. Naturalmente, largo anche alla fede, con, su tutte, la Cappella Niccolini, al cui interno Stendhal accusò la leggendaria “sindrome”.

 

Biglietteria aperta fino alle 17:00.
La Basilica di Santa Croce è visitabile dal lunedì al sabato, dalle 09:30 alle 17:30; domenica e festività di precetto (Epifania, Assunzione, Ognissanti ed Immacolata Concezione), dalle 12:30 alle 17:45.
Biglietto intero: 8,00 euro
Biglietto ridotto: € 6,00 sotto i 17 anni.
Biglietto famiglia: costo intero (= € 8) per adulti e gratuito per i figli al di sotto dei 18 anni.
Biglietto gratuito per: Ragazzi 0-11 anni; Residenti nel Comune di Firenze; Disabili e accompagnatori; Firenze Card; Guide autorizzate; Giornalisti accreditati; Religiosi.

Scopri ogni meraviglioso angolo della Basilica di Santa Croce!

basilica di santa croce firenze

Condividi su
pattern Brunelleschi Hotel

Articoli correlati

  • Torre di Arnolfo a Firenze

    Torre di Arnolfo a Firenze, capolavoro d’architettura …

    ...

    29 Set 2016

  • Cosa Vedere a Firenze gratis

    Sappiamo tutti che il centro storico di Firenze (che è anche Patrimonio Unesco) è praticamente un ...

    12 Gen 2021

  • Firenze per bambini: Cosa Vedere e Visitare in Città

    Vi siete mai chiesti se esiste una Firenze per bambini? Se avete pensato di trascorrere la prossi ...

    18 Dic 2023